economia

Le Migliori Università d’Italia per Studiare Economia

Diverse sono le facoltà di economica del territorio italiano che possono vantarsi di essere le migliori ma di sicuro chi vuole puntare veramente in alto dovrà scegliere tra la vasta selezione di facoltà estere.

Ma quali sono i migliori atenei di economia in Italia?

La facoltà di economia secondo vari studi condotti è una delle lauree più cercate e ambite. Secondo un rapporto Excelsior di Unioncamere la facoltà di economia è tra le più affollate, con un aumento considerevole di iscrizioni negli ultimi anni grazie anche alla previsione del 30% di assunzioni future.

Da una ricerca Censis condotta a livello europeo l’Italia praticamente scompare ad eccezione della Bocconi, unica presente nella lista delle migliori università dove studiare economia in Europa. Ai primi posti della classifica troviamo la London School of Economics, Oxford, Cambridge e l’University College of London. Quindi è proprio il Regno Unito a raccogliere le migliori facoltà di economia rispetto agli altri Paesi europei.

Ma per chi vuole scegliere atenei nostrani, anche se non eccellenti, esistono comunque degli ottimi corsi di studio di economia anche in Italia. Ma quali sono gli atenei di economia migliori in Italia?

Università di Trento

Secondo il rapporto Censis, che tiene conto sia della progressione di carriera e dei rapporti internazionali delle facoltà con il resto d’Europa e del mondo, i primi tre posti sono quasi tre ex-aequeo ma per mezzo punto al primo posto troviamo l’Università di Trento come la migliore facoltà per studiare economia in Italia.

Trento si aggiudica il primo posto come migliore ateneo di economia in Italia, sia per i corsi magistrali che non a caso si trovano anche in inglese, economics, international management- european master in business studies, decisamente l’ateo più internazionale di economia in Italia.

Successivamente al secondo posto troviamo l’Università di Modena e Reggio Emilia. Tra le lauree magistrali in economia si può scegliere tra: management e comunicazione di impresa, management internazionale, analisi, consulenza e gestione finanziaria, economia e politiche pubbliche.

Stesso punteggio anche per la facoltà di Padova, ma con mezzo punto in meno sui rapporti internazionali, mentre vince per ciò che riguarda la progressione della carriera, meritando il podio proprio per il successo lavorativo futuro dei suoi iscritti.

Quarto posto per l’Alma Mater di Bologna, uno degli atenei più antichi e decisamente migliori d’Italia che offre agli studenti una vasta scelta sia per i corsi di studio triennali che per le magistrali, anche nell’ateneo bolognese sono presenti corsi in inglese.

A seguire tutte le altre università italiane dagli atenei di Pavia, Trieste, Bergamo, Marche, Roma Tor Vergata, Verona, Urbino, Ferrara, che restano comunque delle ottime possibilità per chi vuole seguire un’università in economica senza necessariamente doversi spostare dalla propria regione.

E la Bocconi?

Se vi state domandando perché la Bocconi non sia stata considerata dal rapporto condotto dal Censis come una delle migliori facoltà di economia in Italia è perché essendo un’università privata non può necessariamente rientrare in tale classifica.

Leave a Reply

Required fields are marked*